Museo del Duomo. Città di Castello


Info

logo Città di CastelloComune Città di Castello
Indirizzo Piazza Gabriotti 3/a
Telefono e fax 075.8554705
Email museoduomo@tiscali.it – museoduomocdc@tiscali.it
Sito www.museoduomocdc.it
Facebook

Virtual Tour

Orario dal 1 ottobre al 31 marzo 10.00 – 12.30 15.00 -17.00; dal 1 aprile al 30 settembre 10.00 – 13.00 15.30 -18.00 Chiuso lunedì escluso i festivi e pre festivi. Agosto aperto tutti i giorni. Giorni di chiusura: 25 dicembre 1 gennaio

Il Museo diocesano del Duomo di Città di Castello inaugurato nell’anno 1991, è stato ampliato e ristrutturato nel 2000 e risulta attualmente composto di dodici locali distribuiti su due piani, attigui alla Basilica Cattedrale dei Santi Florido e Amanzio. Conserva numerose opere di oreficeria tra cui: Il Tesoro di Canoscio, collezione di 25 oggetti usati per la liturgia eucaristica ed esemplari d’Arte Paleocristiana del sec. VI, il Paliotto in argento sbalzato, cesellato e in parte dorato, prezioso esempio di arte orafa del XII secolo ed il Riccio di Pastorale in argento sbalzato,del sec. XIV, attribuito all’orafo senese Goro di Gregorio. Nel Salone Gotico-Pinacoteca sono ospitate pregevoli testimonianze pittoriche: la grande tavola raffigurante il Cristo Risorto in Gloria (1528 – 1530) di Rosso Fiorentino, la tempera su tavola con la Madonna col Bambino e San Giovannino (ca. 1486) di Pinturicchio e gli Angeli, olio su tavola, di Giulio Romano databili alla prima metà del XVI secolo. Tra i documenti d’archivio segnaliamo la Pergamena dell’Imperatore Federico Barbarossa del 1163. Le opere di scultura in pietra e in legno sono del periodo Medievale e Rinascimentale tra cui un Crocefisso di Scuola di Giuliano da Sangallo, Arte Toscana della seconda metà del sec. XV. I paramenti sacri esposti sono databili dal XIV al XIX secolo.

Ingresso

INGRESSO

Ecclesia card € 7.00
Consente l’ingresso
MUSEO DEL DUOMO
ORATORIO DI SAN CRESCENTINO
CAMPANILE CILINDRICO
e biglietto ridotto in circa 15 musei convenzionati

Biglietto intero Euro 6,00

Biglietto ridotto A € 4.00
Ultrasessantacinquenni
studenti universitari fino a 26 anni in possesso
di documento valido per l’anno in corso
ragazzi fino ai 18 anni
gruppi superiori alle 15 unità
Musei convenzionati

Biglietto ridotto B € 2,00
Scolaresche

Biglietto gratuito
Bambini fino ai 6 anni
guide turistiche con patentino
categorie speciali

 

Sede

SEDE

La prima sede del Museo del Duomo era costituita da soli due locali (ca mq. 60), ai quali si accedeva dalla sacrestia della Basilica Cattedrale dei Santi Florido e Amanzio: in uno di essi erano esposti paramenti sacri, nell’altro erano riuniti argenterie e dipinti. Il 23 marzo del 1991 è stata inaugurata una sede ampliata e rinnovata, composta di sette locali (ca mq. 430), distribuiti su due piani di cui, alcuni di essi alcuni facevano parte delle vecchie sacrestie del Duomo, del Seicento e Settecento ed altri locali erano invece del Trecento e Quattrocento L’ultimo ampliamento risale al 18 marzo 2000: la sede oggi è tra le più estese, su scala nazionale, adibite a musei d’arte sacra (ca mq. 800). I dodici locali, di cui un maestoso Salone Gotico, sono stati tutti sottoposti ad una laboriosa opera di restauro, che li ha riportati alla loro originaria fisionomia.

Opere

OPERE

Il Tesoro di Canoscio, è una collezione di 25 oggetti usati per la liturgia eucaristica, esemplari di arte paleocristiana del sec. VI, rinvenuti presso il Santuario di Canoscio, nel 1935, durante i lavori di aratura. Sono stati trovati a mucchio, protetti da un grande piatto, ridotto in frantumi dal colpo del vomere, i seguenti oggetti: sei piatti, due patene, tre calici, una pisside con coperchio, due colatoi, un piccolo ramaiolo e nove cucchiai. Una serie di oggetti di uso liturgico quali turiboli, navicelle, croci astili, croci d’altare, calici, copricalici, pissidi, esposti in ordine cronologico, consentono la ricostruzione di un ideale percorso attraverso la storia della liturgia cristiana dal XI al XIX secolo. Il Paliotto in argento sbalzato, cesellato e in parte dorato, è un prezioso esempio di arte orafa del XII secolo. Il Riccio di Pastorale in argento sbalzato con figure di santi smaltati a traslucido, del secolo XIV, è attribuito all’orafo senese Goro di Gregorio. La tempera su tavola raffigurante il Cristo Risorto in Gloria (1529 – 1530) di Rosso Fiorentino, la tavola con la Madonna col Bambino e San Giovannino (ca. 1486) di Pinturicchio e gli Angeli, olio su tavola, attribuiti a Giulio Romano databili alla prima metà del XVI secolo, sono alcune delle numerose testimonianze pittoriche ospitate all’interno del Museo. A queste si aggiungono altre interessanti opere di artisti tifernati quali Giacomo di Ser Michele Castellano e Francesco da Tiferno. I paramenti sacri esposti (pianete e piviali ) sono databili dal XVI al XIX secolo. Le opere di scultura in pietra e in legno sono del periodo medievale e rinascimentale.

Foto

Tesoro di canoscio
Tesoro di canoscio

Salone oreficeria
Salone oreficeria

Salone gotico
Salone gotico

Sala paliotto
Sala paliotto

Sala affreschi
Sala affreschi

Piano Secondo
Piano Secondo

Piano Primo
Piano Primo

Paliotto cristo evangelisti
Paliotto cristo evangelisti

Madonna e San Giovannino
Madonna e San Giovannino

Logo museo
Logo museo

Ingresso
Ingresso

Cristo ligneo
Cristo ligneo

Cristo in Gloria
Cristo in Gloria

Angelo Giulio Romano
Angelo Giulio Romano

Esterno
Esterno

Interno
Interno

Croce Agata
Croce Agata

Video

News

Al via i progetti “Laboratori didattici nel Chiostro del Museo Diocesano ” e “Alla scoperta del Campanile cilindrico”

Il Museo diocesano ha attivato per l’anno in corso 2022-2023 laboratori didattici pensati nel rispetto delle vigenti disposizioni anti Covid e con il Super green pass.

Spazio ideale in questa delicata fase pandemica – dichiara Catia Cecchetti - risulta essere il Chiostro Diocesano , ad hoc per la realizzazione di percorsi didattici in quanto all’aperto e in parte dotato di colonnati quattrocenteschi al coperto. Il Chiostro allestito con tavoli e sedie distanziati e nel rispetto delle disposizioni vigenti sarà in grado di accogliere in sicurezza gli studenti. I laboratori all’interno del Museo invece si terranno con un numero minino di partecipanti e a gruppi e con i necessari interventi di sanificazione, uso di mascherine e Super Green pass.
Read more...

Bilancio di chiusura Natale tra Umbria e Toscana

IMG-20220105-WA0021Si è chiusa domenica 9 gennaio scorso l’iniziativa Natale tra Umbria e Toscana. Purtroppo la crescita dei contagi della pandemia e le necessarie restrizione in materia di contenimento della variante omicron ha portato all’annullamento di alcuni degli appuntamenti in calendario in accordo con i comuni interessanti. Sette degli eventi però si sono regolarmente tenuti nel massimo rispetto delle disposizioni ministeriali. Sabato 11 dicembre a Monte Santa Maria Tiberina alla presenza del sindaco Letizia Michelini e dell’Assessore al turismo Michele Simoni si è tenuta la Presentazione del progetto fotografico “Gli animali nostri insegnanti” a cura di Iris Valorosi presso Palazzo Bourbon del Monte .
Read more...

Anghiari: Eventi del programma di Natale tra Umbria e Toscana

270563714_10159344718691928_1999004178948898391_nSi e tenuto sabato 1 gennaio alle ore 16.00 nel Comune di Anghiari l’apertura straordinaria e la visita alle antiche carceri assieme ad uno degli antichi luoghi teatrali. L’appuntamento inserito nel programma di Natale tra Umbria e Toscana giunto quest’anno alla VI edizione ha visto la partecipazione contingentata, nell’assoluto rispetto delle normative anti Covid. L’accesso tramite super Green pass e utilizzo delle mascherina ha consentito si scoprire uno dei palazzi storici più interessanti di Anghiari, la visita tenuta dal direttore del Museo della Battaglia Gabriele Mazzi ha coinvolto anche con domande i visitatori presenti. A portare i saluti il Sindaco del Comune anghiarese Alessandro Polcri e l’ideatrice e coordinatrice dell’iniziativa Catia Cecchetti. Presente anche l’Assessore alle Politiche culturali Alberica Barbolani da Montauto. Molti i turisti presenti in visita al borgo medievale tutti nel rispetto delle norme vigenti per il contenimento della pandemia. Il collegamento con le due Regioni l’Umbria e la Toscana rivela in occasioni come queste, un legame imprescindibile  per due realtà divise amministrativamente ma unite culturalmente.
Read more...

Nuove disposizioni anti Covid per i Musei

CatiaCecchettiDi seguito alle ultime disposizioni ministeriali (Decreto Legge del 24/12/2021) e regionali (Ordinanza 22 dicembre n. 39) in materia anti Covid vengono applicate anche ai Musei le regole per il contenimento della pandemia. L’accesso alle strutture museali diocesane – comunica Catia Cecchetti - sarà così possibile solo con il Super Green Pass e mascherine FFp2. Nelle sale sarà possibile la sanificazione delle mani e si consiglia comunque il distanziamento. I nostri orari di apertura rimarranno invariati: dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 15.30 alle 17.30. Sarà visitabile il Museo e il Campanile cilindrico ed anche la Madonna di Donatello a Citerna nella Chiesa di San Francesco mentre l’Oratorio di San Crescentino a Morra solo su prenotazione.
Read more...

Variazioni degli eventi di Natale tra Umbria e Toscana

IMG_20211227_103958_225Il programma degli eventi di Natale tra Umbria e Toscana sta subendo variazioni di seguito alle ultime disposizioni ministeriali (Decreto Legge del 24/12/2021) e regionali (Ordinanza 22 dicembre n. 39) in materia anti Covid. Alcuni appuntamenti in accordo con i comuni interessati sono stati annullati altri invece confermati ma nel massimo rispetto delle nuove norme che prevedono obbligo del super Grenn pass e della mascherina ffp2. Cosi si è tenuto il concerto giovedì 23 dicembre alle ore 21.15 presso la Chiesa della Collegiata nel Comune di Pieve Santo Stefano, novità di questa VI edizione: si è esibito il Coro Altotiberino di Pieve diretto da Andrea Pisani e con la partecipazione de  “I concertisti” -  Orchestra giovanile di archi. Presente anche l’Assessore alle Politiche culturali del Comune Luca Gradi esso stesso musicista. La partecipazione è stata caratterizzata dal distanziamento, la sanificazione all’ingresso, misurazione della temperatura e obbligo di mascherina.
Read more...