Museo del Duomo. Città di Castello


Info

logo Città di CastelloComune Città di Castello
Indirizzo Piazza Gabriotti 3/a
Telefono 075.8554705
Email museoduomo@tiscali.it – museoduomocdc@tiscali.it
Sito www.museoduomocdc.it
Virtual Tour
facebook(1)instagram

 

 

Orario
Dal 1 ottobre al 31 marzo 10.00 – 13.00 15.30 -17.30;
Dal 1 aprile al 30 settembre 10.00 – 13.00 15.30 -18.00
Chiuso lunedì escluso i festivi e pre festivi.
Agosto aperto tutti i giorni.
Giorni di chiusura: 25 dicembre 1 gennaio

 

Il Museo Diocesano di Città di Castello fu creato nel 1940 dal vescovo Filippo Maria Cipriani a seguito del rinvenimento del corredo liturgico noto come “Tesoro di Canoscio” presso l’omonimo santuario. Fu allestito presso la sacrestia della Basilica Cattedrale dei Santi Florido e Amanzio e successivamente ampliato nei locali attigui nel 1991. L’attuale sede, all’interno dell’antica canonica, risale all’anno 2000: i dodici locali sono stati tutti sottoposti ad una laboriosa opera di restauro, che li ha riportati alla loro originaria fisionomia. Conserva numerose opere di oreficeria tra cui: Il Tesoro di Canoscio, collezione di 25 oggetti usati per la liturgia eucaristica ed esemplari d’Arte Paleocristiana del sec. VI, il Paliotto in argento sbalzato, cesellato e in parte dorato, prezioso esempio di arte orafa del XII secolo ed il Riccio di Pastorale in argento sbalzato, del sec. XIV, attribuito all’orafo senese Goro di Gregorio. Nel Salone Gotico-Pinacoteca sono ospitate pregevoli testimonianze pittoriche: la grande tavola raffigurante il Cristo Risorto in Gloria (1528 – 1530) di Rosso Fiorentino, la tempera su tavola con la Madonna col Bambino e San Giovannino (ca. 1486) di Pinturicchio e gli Angeli, olio su tavola, di Giulio Romano databili alla prima metà del XVI secolo. Tra i documenti d’archivio segnaliamo la Pergamena dell’Imperatore Federico Barbarossa del 1163. Le opere di scultura in pietra e in legno sono del periodo Medievale e Rinascimentale tra cui un Crocefisso di Scuola di Giuliano da Sangallo, Arte Toscana della seconda metà del sec. XV. I paramenti sacri esposti sono databili dal XIV al XIX secolo.

Ingresso

INGRESSO

Ecclesia card € 7.00
Acquistabile solo al museo e senza alcuna scadenza
Consente l’ingresso:
MUSEO DEL DUOMO
ORATORIO DI SAN CRESCENTINO
CAMPANILE CILINDRICO
e biglietto ridotto nei seguenti musei convenzionati

CITTÀ DI CASTELLO: Pinacoteca Comunale Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Ex Seccatori del Tabacco, Museo della Tela Umbra Laboratorio e Collezione tessile, Centro delle Tradizioni Popolari Caravelle, Museo della grafica Tipografia Grifani-Donati. MUSEI ECCLESIASTICI DELLA REGIONE UMBRIA: Museo Capitolare Diocesano della Cattedrale di San Lorenzo PERUGIA, Museo Diocesano e Cripta di San Rufino, Museo del Tesoro della Basilica di San Francesco e Collezione Perkins, Museo Missionario Indios dei Frati Cappuccini dell’Umbria in Amazzonia MUMA, Galleria d’Arte contemporanea della Pro Civitate Christiana ASSISI, Museo della Porziuncola S. M. DEGLI ANGELI ASSISI, Museo Diocesano GUBBIO, Museo Diocesano e Basilica di Sant’Eufemia SPOLETO, Museo Diocesano e Capitolare TERNI, Museo Capitolare Diocesano e Cripta di San Feliciano FOLIGNO, Museo dell’Abbazia di Sant’Eutizio in Valcastoriana PRECI MONTONE: Museo di San Francesco UMBERTIDE: Museo di Santa Croce MUSEI DELLA REGIONE TOSCANA, Museo Civico di Piero della Francesca e Museo Aboca di SANSEPOLCRO.

 

Biglietteria

biglietto

Ecclesia-Card: €. 7,00
Biglietto intero: €. 6,00
Biglietto ridotto A: €. 4,00 Ultrassessantacinquenni, studenti universitari fino a 26 anni  in possesso di documento valido per l’anno in corso, ragazzi fino ai 18 anni, gruppi superiori alle 15 unità.
Biglietto ridotto B. €. 2.00 Scolaresche
Biglietto gratuito: bambini fino ai 6 anni, guide turistiche munite di patentino, categorie speciali.

 

Orari di apertura
Dal 1 novembre al 30 aprile 10.00-13.00
sabato domenica e festivi 10.00-13.00/15.30-17.30
Dal 1 maggio al 30 ottobre 10.00-13.00/15.30-18.00
Chiuso lunedì

 

Servizi
Guardaroba, bookshop, visite guidate, laboratorio didattico, audioguide, auditorium, sala conferenze, archivio, mostre temporanee, accesso per disabili.

 

Sede

SEDE

La prima sede del Museo del Duomo creata nel 1940 dal vescovo Filippo Maria Cipriani era costituita da soli due locali (ca mq. 60), ai quali si accedeva dalla sacrestia della Basilica Cattedrale dei Santi Florido e Amanzio: in uno di essi erano esposti paramenti sacri, nell’altro erano riuniti argenterie e dipinti. Il 23 marzo del 1991 è stata inaugurata una sede ampliata e rinnovata, composta di sette locali (ca mq. 430), distribuiti su due piani di cui, alcuni di essi alcuni facevano parte delle vecchie sacrestie del Duomo, del Seicento e Settecento ed altri locali erano invece del Trecento e Quattrocento L’ultimo ampliamento risale al 18 marzo 2000: la sede oggi è tra le più estese, su scala nazionale, adibite a musei d’arte sacra (ca mq. 800). I dodici locali, di cui un maestoso Salone Gotico, sono stati tutti sottoposti ad una laboriosa opera di restauro, che li ha riportati alla loro originaria fisionomia.

Opere

OPERE

Il Tesoro di Canoscio, è una collezione di 25 oggetti usati per la liturgia eucaristica, esemplari di arte paleocristiana del sec. VI, rinvenuti presso il Santuario di Canoscio, nel 1935, durante i lavori di aratura. Sono stati trovati a mucchio, protetti da un grande piatto, ridotto in frantumi dal colpo del vomere, i seguenti oggetti: sei piatti, due patene, tre calici, una pisside con coperchio, due colatoi, un piccolo ramaiolo e nove cucchiai. Una serie di oggetti di uso liturgico quali turiboli, navicelle, croci astili, croci d’altare, calici, copricalici, pissidi, esposti in ordine cronologico, consentono la ricostruzione di un ideale percorso attraverso la storia della liturgia cristiana dal XI al XIX secolo. Il Paliotto in argento sbalzato, cesellato e in parte dorato, è un prezioso esempio di arte orafa del XII secolo. Il Riccio di Pastorale in argento sbalzato con figure di santi smaltati a traslucido, del secolo XIV, è attribuito all’orafo senese Goro di Gregorio. La tempera su tavola raffigurante il Cristo Risorto in Gloria (1529 – 1530) di Rosso Fiorentino, la tavola con la Madonna col Bambino e San Giovannino (ca. 1486) di Pinturicchio e gli Angeli, olio su tavola, attribuiti a Giulio Romano databili alla prima metà del XVI secolo, sono alcune delle numerose testimonianze pittoriche ospitate all’interno del Museo. A queste si aggiungono altre interessanti opere di artisti tifernati quali Giacomo di Ser Michele Castellano e Francesco da Tiferno. I paramenti sacri esposti (pianete e piviali ) sono databili dal XVI al XIX secolo. Le opere di scultura in pietra e in legno sono del periodo medievale e rinascimentale.

Foto

Tesoro di canoscio
Tesoro di canoscio

Salone oreficeria
Salone oreficeria

Salone gotico
Salone gotico

Sala paliotto
Sala paliotto

Sala affreschi
Sala affreschi

Piano Secondo
Piano Secondo

Piano Primo
Piano Primo

Paliotto cristo evangelisti
Paliotto cristo evangelisti

Madonna e San Giovannino
Madonna e San Giovannino

Logo museo
Logo museo

Ingresso
Ingresso

Cristo ligneo
Cristo ligneo

Cristo in Gloria
Cristo in Gloria

Angelo Giulio Romano
Angelo Giulio Romano

Esterno
Esterno

Interno
Interno

Croce Agata
Croce Agata

Video

News

Chiostri Acustici tra Umbria e Toscana fa tappa ad Anghiari

Una Chiesa di Sant’Agostino ad Anghiari gremita di gente per l’appuntamento inserito nell’iniziativaIMG-20220804-WA0033. Il concerto dal titolo InCanto d’estate si è tenuto  giovedì 4 agosto alle ore 21.o0 dall’ English Chamber Choir diretto da Guy Protheroe. Presenti per l’occasione il sindaco del Comune anghiarese Alessandro Polcri, l’Assessore alle Politiche culturali Alberica Barbolani, l’Assessore al Turismo Ilaria Lorenzini e il direttore del Museo della Battaglia Gabriele Mazzi. Molta gente anche straniera presente nel borgo medievale che ha ascoltato le sonorità classiche eseguite con straordinaria maestria, da Gioacchino Rossini (O salutaris hostia) a Giuseppe Verdi (Pater Noster), da Henry Purcell (Thou knowest Lord), a Sergei Rachmaninov (Bogoroditse Dievo). Presente anche l’ideatrice dei Chiostri Catia Cecchetti che ha speso parole di elogio per la perfetta organizzazione e per la bravura del coro che si è esibito. Suggestiva la Chiesa che ha fatto da corollario alle musiche e alle voci che hanno trasportato uditorio in un passato ricco di suggestioni e in una atmosfera di meditazione. L’obiettivo è stato anche quello della valorizzazione del patrimonio culturale umbro e toscano legato dalla storia anche se diviso amministrativamente.
Read more...

Successo di pubblico per l’apertura serale del Campanile cilindrico

IMG_20220803_221418Ancora un successo di pubblico per l’apertura serale del Campanile mercoledì 3 agosto scorso quando a partire dalle ore 21.00 famiglie con bambini e gruppi di giovani hanno visitato il monumento salendo fino al primo ordine di aperture. Molta partecipazione e tanto entusiasmo alla scoperta di un simbolo architettonico di rara bellezza apprezzato anche da gruppi di turisti presenti nella nostra città. Ad accogliere i visitatori i ragazzi del Liceo Statale “Plinio il Giovane” di Città di Castello nel programma PCTO “Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento” nelle persone di Aurora Stinchi e Alessio Manganelli del 3BS i quali hanno fornito anche informazioni storico artistiche.
Read more...

Apertura serale del Campanile cilindrico di Città di Castello

LocandinaCampanileL’appuntamento di agosto per l’apertura serale del Campanile cilindrico è previsto per mercoledì 3 agosto prossimo partire dalle ore 21.00 fino alle 23.00. Dopo il successo di pubblico riscontrato a luglio si rinnova l’evento, occasione unica visitare in notturna il monumento raro per bellezza e per struttura architettonica e simbolo indiscusso della nostra città. Pochi ne esistono in Italia, ricorda Catia Cecchetti - quello tifernate risale ai secc. XI-XII, la parte bassa è la più antica e il coronamento a cono con il doppio ordine di aperture è in stile gotico. Nel piazza del Campanile si rinnovano anche le Note di musica con un concerto dal titolo Opera con il Classic Ten Strings Duo: Mauro Businelli al violoncello e Alessandro Zucchetti alla chitarra.
Read more...

Settimo concerto di Chiostri Acustici tra Umbria e Toscana

IMG-20220729-WA0050ettimo concerto inserito nell’iniziativa Chiostri Acustici tra Umbria e Toscana giunta quest’anno alla IX edizione. Questa volta la location è stato il Chiostro del Museo Diocesano di Città di Castello aperto esclusivamente per questa occasione: spazio privilegiato dove si può godere della vista del Campanile cilindrico dei secc. XI-XII e che ospita attualmente e in modo permanente la sezione archeologica del Museo. Il concerto dal titolo Il futuro della musica ha visto esibirsi i giovani talenti della Scuola comunale “G. Puccini” di Città di Castello  all’arpa sotto la guida dell’insegnante Isabella Brogiato, al flauto con Luisa Mencherini, al clarinetto con Stefano Carsili e alla chitarra con Giulio Castrica.
Read more...

CHIOSTRI ACUSTICI TRA UMBRIA E TOSCANA 16/17 Luglio

IMG-20220715-WA0045CHIOSTRI ACUSTICI TRA UMBRIA E TOSCANA IX Edizione 2022 SAN GIUSTINO Venerdì 15 luglio Ore 21.00 MONTE SANTA MARIA TIBERINA Sabato 16 luglio Ore 18.00   Primi due appuntamenti dell’iniziativa CHIOSTRI ACUSTICI TRA UMBRIA E TOSCANA realizzata dalla Direzione del Museo diocesano di Città di Castello con la collaborazione di tutti i comuni Alto Tiberini (Città di Castello, Citerna, Montone, San Giustino, Monte Santa Maria Tiberina, Pietralunga, Umbertide) e del Comune di Gubbio e di quattro Comuni della Regione Toscana Sansepolcro, Monterchi, Anghiari e Pieve santo Stefano.
Read more...