Museo del Duomo. Città di Castello


Info

logo Città di CastelloComune Città di Castello
Indirizzo Piazza Gabriotti 3/a
Telefono 075.8554705
Email museo@diocesidicastello.it
Sito www.museoduomocdc.it
Virtual Tour
facebook(1)instagram

 

 

Orario
Dal 1 ottobre al 31 marzo 10.00 – 13.00 15.30 -17.30;
Dal 1 aprile al 30 settembre 10.00 – 13.00 15.30 -18.00
Chiuso lunedì escluso i festivi e pre festivi.
Agosto aperto tutti i giorni.
Giorni di chiusura: 25 dicembre 1 gennaio

 

Il Museo Diocesano di Città di Castello fu creato nel 1940 dal vescovo Filippo Maria Cipriani a seguito del rinvenimento del corredo liturgico noto come “Tesoro di Canoscio” presso l’omonimo santuario. Fu allestito presso la sacrestia della Basilica Cattedrale dei Santi Florido e Amanzio e successivamente ampliato nei locali attigui nel 1991. L’attuale sede, all’interno dell’antica canonica, risale all’anno 2000: i dodici locali sono stati tutti sottoposti ad una laboriosa opera di restauro, che li ha riportati alla loro originaria fisionomia. Conserva numerose opere di oreficeria tra cui: Il Tesoro di Canoscio, collezione di 25 oggetti usati per la liturgia eucaristica ed esemplari d’Arte Paleocristiana del sec. VI, il Paliotto in argento sbalzato, cesellato e in parte dorato, prezioso esempio di arte orafa del XII secolo ed il Riccio di Pastorale in argento sbalzato, del sec. XIV, attribuito all’orafo senese Goro di Gregorio. Nel Salone Gotico-Pinacoteca sono ospitate pregevoli testimonianze pittoriche: la grande tavola raffigurante il Cristo Risorto in Gloria (1528 – 1530) di Rosso Fiorentino, la tempera su tavola con la Madonna col Bambino e San Giovannino (ca. 1486) di Pinturicchio e gli Angeli, olio su tavola, di Giulio Romano databili alla prima metà del XVI secolo. Tra i documenti d’archivio segnaliamo la Pergamena dell’Imperatore Federico Barbarossa del 1163. Le opere di scultura in pietra e in legno sono del periodo Medievale e Rinascimentale tra cui un Crocefisso di Scuola di Giuliano da Sangallo, Arte Toscana della seconda metà del sec. XV. I paramenti sacri esposti sono databili dal XIV al XIX secolo.

Ingresso

INGRESSO

Ecclesia card € 7.00
Acquistabile solo al museo e senza alcuna scadenza
Consente l’ingresso:
MUSEO DEL DUOMO
ORATORIO DI SAN CRESCENTINO
CAMPANILE CILINDRICO
e biglietto ridotto nei seguenti musei convenzionati

CITTÀ DI CASTELLO: Pinacoteca Comunale Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Ex Seccatori del Tabacco, Museo della Tela Umbra Laboratorio e Collezione tessile, Centro delle Tradizioni Popolari Caravelle, Museo della grafica Tipografia Grifani-Donati. MUSEI ECCLESIASTICI DELLA REGIONE UMBRIA: Museo Capitolare Diocesano della Cattedrale di San Lorenzo PERUGIA, Museo Diocesano e Cripta di San Rufino, Museo del Tesoro della Basilica di San Francesco e Collezione Perkins, Museo Missionario Indios dei Frati Cappuccini dell’Umbria in Amazzonia MUMA, Galleria d’Arte contemporanea della Pro Civitate Christiana ASSISI, Museo della Porziuncola S. M. DEGLI ANGELI ASSISI, Museo Diocesano GUBBIO, Museo Diocesano e Basilica di Sant’Eufemia SPOLETO, Museo Diocesano e Capitolare TERNI, Museo Capitolare Diocesano e Cripta di San Feliciano FOLIGNO, Museo dell’Abbazia di Sant’Eutizio in Valcastoriana PRECI MONTONE: Museo di San Francesco UMBERTIDE: Museo di Santa Croce MUSEI DELLA REGIONE TOSCANA, Museo Civico di Piero della Francesca e Museo Aboca di SANSEPOLCRO.

 

Biglietteria

biglietto

Ecclesia-Card: €. 7,00
Biglietto intero: €. 6,00
Biglietto ridotto A: €. 4,00 Ultrassessantacinquenni, studenti universitari fino a 26 anni  in possesso di documento valido per l’anno in corso, ragazzi fino ai 18 anni, gruppi superiori alle 15 unità.
Biglietto ridotto B. €. 2.00 Scolaresche
Biglietto gratuito: bambini fino ai 6 anni, guide turistiche munite di patentino, categorie speciali.

 

Orari di apertura
Dal 1 novembre al 30 aprile 10.00-13.00
sabato domenica e festivi 10.00-13.00/15.30-17.30
Dal 1 maggio al 30 ottobre 10.00-13.00/15.30-18.00
Chiuso lunedì

 

Servizi
Guardaroba, bookshop, visite guidate, laboratorio didattico, audioguide, auditorium, sala conferenze, archivio, mostre temporanee, accesso per disabili.

 

Sede

SEDE

La prima sede del Museo del Duomo creata nel 1940 dal vescovo Filippo Maria Cipriani era costituita da soli due locali (ca mq. 60), ai quali si accedeva dalla sacrestia della Basilica Cattedrale dei Santi Florido e Amanzio: in uno di essi erano esposti paramenti sacri, nell’altro erano riuniti argenterie e dipinti. Il 23 marzo del 1991 è stata inaugurata una sede ampliata e rinnovata, composta di sette locali (ca mq. 430), distribuiti su due piani di cui, alcuni di essi alcuni facevano parte delle vecchie sacrestie del Duomo, del Seicento e Settecento ed altri locali erano invece del Trecento e Quattrocento L’ultimo ampliamento risale al 18 marzo 2000: la sede oggi è tra le più estese, su scala nazionale, adibite a musei d’arte sacra (ca mq. 800). I dodici locali, di cui un maestoso Salone Gotico, sono stati tutti sottoposti ad una laboriosa opera di restauro, che li ha riportati alla loro originaria fisionomia.

Opere

OPERE

Il Tesoro di Canoscio, è una collezione di 25 oggetti usati per la liturgia eucaristica, esemplari di arte paleocristiana del sec. VI, rinvenuti presso il Santuario di Canoscio, nel 1935, durante i lavori di aratura. Sono stati trovati a mucchio, protetti da un grande piatto, ridotto in frantumi dal colpo del vomere, i seguenti oggetti: sei piatti, due patene, tre calici, una pisside con coperchio, due colatoi, un piccolo ramaiolo e nove cucchiai. Una serie di oggetti di uso liturgico quali turiboli, navicelle, croci astili, croci d’altare, calici, copricalici, pissidi, esposti in ordine cronologico, consentono la ricostruzione di un ideale percorso attraverso la storia della liturgia cristiana dal XI al XIX secolo. Il Paliotto in argento sbalzato, cesellato e in parte dorato, è un prezioso esempio di arte orafa del XII secolo. Il Riccio di Pastorale in argento sbalzato con figure di santi smaltati a traslucido, del secolo XIV, è attribuito all’orafo senese Goro di Gregorio. La tempera su tavola raffigurante il Cristo Risorto in Gloria (1529 – 1530) di Rosso Fiorentino, la tavola con la Madonna col Bambino e San Giovannino (ca. 1486) di Pinturicchio e gli Angeli, olio su tavola, attribuiti a Giulio Romano databili alla prima metà del XVI secolo, sono alcune delle numerose testimonianze pittoriche ospitate all’interno del Museo. A queste si aggiungono altre interessanti opere di artisti tifernati quali Giacomo di Ser Michele Castellano e Francesco da Tiferno. I paramenti sacri esposti (pianete e piviali ) sono databili dal XVI al XIX secolo. Le opere di scultura in pietra e in legno sono del periodo medievale e rinascimentale.

Foto

Tesoro di canoscio
Tesoro di canoscio

Salone oreficeria
Salone oreficeria

Salone gotico
Salone gotico

Sala paliotto
Sala paliotto

Sala affreschi
Sala affreschi

Piano Secondo
Piano Secondo

Piano Primo
Piano Primo

Paliotto cristo evangelisti
Paliotto cristo evangelisti

Madonna e San Giovannino
Madonna e San Giovannino

Logo museo
Logo museo

Ingresso
Ingresso

Cristo ligneo
Cristo ligneo

Cristo in Gloria
Cristo in Gloria

Angelo Giulio Romano
Angelo Giulio Romano

Esterno
Esterno

Interno
Interno

Croce Agata
Croce Agata

Video

News

Conferenza stampa: Natale tra Umbria e Toscana 2022

NATUT_2223_Generale_PrintokE’ stata presentata in conferenza stampa martedì 6 dicembre alle ore 11.30 nel Salone del Gotico Museo diocesano, la VII Edizione dell’iniziativa NATALE TRA UMBRIA E TOSCANA - 2022. Presente all’appuntamento S. E. Mons. Luciano Paolucci Bedini Vescovo della Diocesi di Città di Castello insieme agli amministratori sindaci e/o Assessore alle Politiche culturali dei ben 12 Comuni coinvolti delle Regioni Umbria e Toscana. Il Vescovo ha ringraziato tutti gli intervenuti, la stampa e i politici, i professionisti coinvolti nel ricco programma di eventi culturali che anche questo anno vede delle importanti novità. Obiettivo dell’iniziativa è la riflessione sul Mistero della Nascita ma anche su temi sentiti dalla collettività tramite eventi culturali come concerti, convegni, spettacoli per bambini, visite guidate e mostre, che si terranno nelle chiese, nei musei, nelle pievi, nelle cattedrali, nei teatri, nei palazzi e nei centri storici del territorio dell’Alto Tevere Umbro e Toscano, spazi di particolare bellezza oltreché spirituale, anche artistica e architettonica e di accresciuta suggestione grazie all’allestimento di presepi artistici.
Read more...

NATALE TRA UMBRIA E TOSCANA 6 dicembre 2022 ore 11.30 Conferenza stampa

NATUT_2223_Logo_OkC O N F E R E N Z A   S T A M P A Martedì 6 dicembre 2022 ore 11.30 Salone Gotico Museo diocesano Città di Castello Piazza Gabriotti 3/a   La Diocesi di Città di Castello e il Museo diocesano ripropongono l’iniziativa culturale giunta alla sua VII edizione NATALE TRA UMBRIA E TOSCANA 2022 Le novità di questa edizione riguardano la partecipazione di un nuovo comune quello di Lisciano Niccone e il coinvolgimento della Diocesi di Gubbio con l’adesione al progetto del Museo Diocesano. Dodici sono i comuni che aderiscono al progetto con un calendario programmatico legato alle imminenti festività del Natale, con un fattivo coordinamento in rete che si estende come consueto anche alla Toscana coinvolgendone ben 4 comuni in modo da garantire una sinergia interregionale. Nella settima edizione 2022 viene confermata la partecipazione di tutti i Comuni dell’Alto Tevere Umbro: Città di Castello, Citerna, Montone, Monte Santa Maria Tiberina, San Giustino, Pietralunga e Umbertide.
Read more...

27 Ottobre: laboratorio di restauro San Florido

4L’attività didattica promossa dal Museo del Duomo e sostenuta dal vescovo diocesano ha già attivato laboratori per l’anno scolastico 2022-2023 destinati ai ragazzi delle scuole del territorio di ogni ordine e grado. In questo ambito si terrà giovedì 27 ottobre prossimo alle ore 10.00 un laboratorio di restauro con la partecipazione di due classi del Liceo Statale “Plinio il Giovane” di Città di Castello: il 4as scientifico internazionale e il 5bc classico, cui parteciperanno 27 studenti e due professoresse, Federica Gildoni e Manola Serrani. Il Museo ha al suo attivo un’attività didattica sia museale che territoriale ricorda Catia Cecchetti, in grado di consentire lo studio e l’approfondimento delle opere d’arte musealizzate, mirate all’indirizzo di studio seguito.
Read more...

20 Settembre: Presentazione affresco restaurato Madonna delle Grazie di Nemo Sarteanesi

Sarteanesi_Restituzione_Locandina_WebVerrà presentato con una cerimonia pubblica martedì 20 settembre alle ore 18.00 nel Salone Gotico del Museo Diocesano di Città di Castello il restauro dell’affresco raffigurante La Madonna delle Grazie realizzato nel 1954 dal tifernate prof. Nemo Sarteanesi (1921-2009) e oggi visibile sopra il portone d’ingresso del Palazzo vescovile. L’intervento è stato eseguito dalla restauratrice Laura Zamperoni con la supervisione della locale Sovrintendenza che già il 24 agosto scorso, grazie al sopralluogo del funzionario di zona dott. Gianluca De Logu, ne ha approvato le operazioni. Il lavoro realizzato nel mese di agosto è stato sostenuto dall’Associazione per la Tutela e Conservazione dei Monumenti dell’Alta Valla del Tevere e dal Club Inner Wheel di Città di Castello. Un particolare ringraziamento va alla Ditta CESA di Nicola Falcini per la disponibilità del ponteggio.
Read more...

Bilancio finale: Alternanza Liceo Plinio il Giovane

GruppoaltenranzaE’ terminata il 31 agosto scorso l’esperienza dei percorsi PCTO “Competenze trasversali e per l’orientamento” ex alternanza scuola lavoro con il Liceo Statale “Plinio il Giovane “ di Città di Castello. I ragazzi coinvolti sono stati ben 11 e hanno partecipato attivamente all’attività di accoglienza sia del Museo diocesano che del Campanile cilindrico. Questo è stato possibile grazie alla convenzione siglata tra il Liceo Statale tifernate “Plinio il Giovane “ di Città di Castello e il suo dirigente il prof. Angelo Stumpo e le strutture diocesane e il suo Vescovo Luciano Paolucci Bedini.
Read more...